Y E M E N 

Diario di viaggio di Nonna Mà 

12 -18 gennaio 2008

        00001 

   

 00002

 

 

 

 

 

 

 

 

12 gennaio

E' sabato e alle 14.10 partiamo da Fiumicino per San'a

Siamo un gruppo organizzato di una ventina di persone

001 

Durante il volo godiamo di un bel tramonto e seguiamo l'itinerario attraverso un monitor

Ogni dieci minuti viene data la distanza dalla Mecca

002Siamo quasi arrivati alla meta

 

 

 

 

 

 

 

    

 

 


 

00313 gennaio

 

Siamo sistemati allo Sheraton, uno degli alberghi migliori della città

San'a, capitale dello Yemen, significa 'forza' e la sua fondazione viene attribuita addirittura a Sem, il figlio di Noè

 

 

004 

 

 

 

E' una città di due milioni di abitanti posta su un altopiano a 2250 sul livello del mare

 

 

 

A San'a005

 

La prima visita la facciamo al Museo Archeologico che ha sede nell'ex Palazzo Reale costruito circa cento anni fa

La torre di guardia e il biglietto d'ingresso

006 

 

 

 

 

 

 

 

007 

 

 

L'ex Palazzo Reale, ora Museo

 

 

 

 

008 

 

Nel Museo Archeologico di San'a

Vi sono sculture di arte locale e greco-romana e ricchi gioielli

 

 009

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

010 

 

 

 

In tutte le sale di arte islamica non è consentito fotografare

 

 

 

 

 

 

 

Nel Museo Archeologico di San'a

011012 

 

 

 

 

 

Riproduzioni di vita antica e recente

 

 

 

 

013 

 

Una famiglia yemenita in visita

 

A San'a

Passeggiando nella città vecchia

014 

 

Le classiche case a torre (ce ne sono più di quattordicimila, e alcune con sei piani) ospitano al piano terra i magazzini e la stalla, al primo piano le stanze di intrattenimento, il secondo piano è riservato alle donne e ai bambini, al terzo e quarto piano vi sono le camere da letto, i bagni e la cucina

 

 

 

015 

 

 

 

L'attico della casa è per gli uomini, che qui ricevono ospiti, trattano affari e con gli amici masticano per ore il qat (di cui si parlerà più avanti)

 

 

 

 

 

 

 

 

 016

 

 

Vi sono anche orti di quartiere, dove si coltivano verdure varie

 

 

 

 

 

 

017 

 

I balconi delle case un tempo venivano usati come frigoriferi. Le vivande erano tenute in brocche d'acqua

 

A San'a vecchia

018 

 

 

 

Nella città vecchia si può camminare per un chilometro quadrato senza mai incontrare un edificio moderno

Ci vuole un cappellino per il sole, ma la temperatura è piacevole

 

 019

 

 

 

 

020 

 

 

 

 

 

 

 

 021

 

 

 

 Una delle numerosissime moschee di San'a

 

 022

 

 

 

 

 

 023 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A San'a vecchia

 

 

024 

 

 

Il negozio del parrucchiere e la vendita dei fichi d'India

025 

 

 

 

 

 

 

 

 

026 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 028 

 

 

Il vecchio ha in mano un fascio di rami di qat che sta offrendo o forse sta vendendo al più giovane

 

 

 029

 

 

 

Questo ragazzo stringe in mano foglie di qat e ha già iniziato a masticare, la guancia è lievemente gonfia

Nel pomeriggio quasi tutti gli uomini hanno il viso sfigurato: sembra che tengano in bocca una pallina da pingpong

Le foglie di questo arbusto danno una leggera eccitazione

 

 

 

 

 Pane

030 

 

Forno di cottura e trasporto al luogo di vendita

 

 

 

 031

 

 

 

 

 033

 

  

 

 

 

 

 

 

 

A San'a vecchia 

Pranziamo al ristorante Arabia Felix, il nome che gli antichi davano allo Yemen

034 

035 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

036 

 

 

L'invogliante piatto di antipasti

037 

 

 

 

 

Al tavolo vicino al mio pranza un distinto signore. Appena costui si alza per andarsene, uno dei tre gatti che gironzolano nel ristorante salta sul tavolo e si lecca il piatto con calma

 

 

 

 

 Il bar del ristorante ha sullo sfondo l'affresco della città

 

038 

 

 

 

 A San'a vecchia

 

 039

 

Dopo pranzo la visita al suq dove le signore del gruppo si scatenano in una gara di acquisti che terminerà solo l'ultimo giorno al duty-free dell'aeroporto

 

 

 

 040

 

 

 

Due acquirenti: una yemenita e una occidentale

 

 041

 

 

 

 

 

Lo zenzero e, nel sacco bianco, le bucce del caffè che servono per fare una bevanda più leggera

 

 

 

 

 

042Al suq

Noccioline, datteri e lo zibibbo

Nello Yemen l'uva viene coltivata, ma non per il vino. La si mangia a tavola ma, specialmente, la si fa seccare. Mi dicono che l'uva secca sia eccezionale, la migliore del mondo

 

 

 

 

 043

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 044

San'a vecchia

 

 

 

Le donne tutte in nero e velatissime, appena vedono un turista si coprono anche gli occhi

 

 

 

 045

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 046

 

 

 

 

 

 

il venditore di tabacco per il narghilè

 

 

 

 

Riposo pomeridiano

047

 

 048

 

 

 

 

 

 

 049

 

 

050 

 

 

 

A San'a vecchia

Al suq

 051

Infinite qualità di legumi, molti non li ho mai visti

 

 

 052

 

 

 Le spezie, usatissime nella cucina yemenita

 

 053

 054

 

 

Il cortile del caravanserraglio dove pernottavano i dromedari

 

 

 

 

 

055Si esce dalla città vecchia e si torna in albergo

 

 

 

  056

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bab al-Yaman, cioè la porta dello Yemen

 

 057

  

 


 

 

14 gennaio

Ogni giorno la partenza è alle otto. Non abbiamo un pullman ma siamo divisi in cinque fuoristrada, quattro persone per macchina. La mia amica ed io siamo in quella rossa

Oggi usciamo da San'a e ci dirigiamo a sud-ovest

058 

Il paesaggio è montagnoso e desertico

Questo villaggio, il primo che incontriamo, si chiama Al-masagi, cioè le moschee. Si trovava sulla via carovaniera che percorrevano i pellegrini per andare alla Mecca

059 

 

Poco dopo ci fermiamo di nuovo. Una breve sosta che avverrà ogni mattina: al mercato del qat dove i cinque autisti acquistano

060061 

 

 

 

 

 

 

 

 

In queste rudimentali botteghe si vende un fascio di rami con foglie verdi fresche, appena tagliate da un arbusto che assomiglia a un piccolo eucalipto

 

Assaggio una foglia. È acidula

Ora visiteremo il paese che ho trovato il più interessante fra tutti quelli che abbiamo visto, anche se il più faticoso

Al-Hajjarah si trova sulla sommità della collina e risale all'XI secolo

064 

 

Al-Hajjarah

 

065066 

 

 

 

 

 

 

 

L'unica stretta porta d'ingresso rendeva il villaggio facilmente difendibile

 

 067

 

 

 

Alcune delle case a torre hanno sei piani

 

 

 068

 

 

 

 

 

 

 

 072

Al-Hajjarah

L'antica scuola coranica

 

 

 

 069

 

 

 

 

 

Qui si vede bene come è la strada che percorriamo

 

 

 

 

 075

 

 

Uomini e animali di Al-Hajjarah

 

 

 074

 

 

 

 

 

 

 

 076

 

Le casette come souvenir

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

077 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le donne in giro sono poche ma, a differenza di quelle viste ieri tutte nere, queste sono molto colorate

 

 

 

 

 

 078

 

 

 

 

 

 

Ogni tanto mi siedo per riprender fiato

 

 

 

 

 

 

Terminata la visita andiamo a pochi chilometri di distanza, a Manaka, per il pranzo

 079

La nostra macchina davanti al ristorante

 

 

 

 

080 

 

 

 

 

 

 

 

Una sala da pranzo apparecchiata per un ricevimento locale

Noi fortunatamernte abbiamo tavoli e sedie

 

 

081Durante tutto il viaggio abbiamo mangiato cose semplici ma buone, soltanto oggi a me non è andata troppo bene

Zucchine ripiene con pasta corta stracottissima, pollo e montone ho dovuto mangiarli senza coltello (non viene fornito), staccando la carne con forchetta e cucchiaio, le melanzane erano piene di semi

Questi ortaggi sembrano friggitelli ma sono baccelli con piccole fave, si chiamano ocra e sono viscidi e cattivi

 082

 

 

Mi sono rifatta con un bis di questo piatto: uova con pomodoro e cipolla e con dei discreti fagiolini

 

 083

 

 

 

 

Anche la torta non sapeva di niente. Buona invece la piccola banana

 

 

 085

 

 

A fine pranzo uno spettacolino di musica e danza locale

 

 

 086

 

 

 

084 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Hoteip, villaggio con una grande moschea e la tomba di un santo

087 

 

 

 088

 

 

 

 

 

Si prosegue

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

Si scende dal fuoristrada per fotografare un altro villaggio nel wadi

089 

 

 

 

090 

 

 

091 

 

 

Piantagione di caffè

Un tempo nello Yemen producevano molto caffè che veniva mandato al porto di Moka sul Mar Rosso ed esportato in tutto il mondo

Oggi le piantagioni sono poche, tutti trovano più redditizio coltivare il qat per l'uso interno

 

 

 093

 

 

 

 

Ancora qualche chilometro di zona brulla, poi si arriva in città, mentre il sole tramonta

 

 

 

 

  092

 

 

 

Il nostro bravo autista Annuar mastica qat da varie ore e la sua guancia lo dimostra!

 

 

 

 

 

    

 

 

 

 


 

 

15 gennaio

 093

 

 

 

 

Partenza puntuale alle otto, ci dirigiamo a ovest

 

 

 

 

 

 

Un antico caravanserraglio per i pellegrini che andavano alla Mecca. Ci dormivano una ventina di uomini, gli animali restavano fuori

095 

 

 

 096

 

 

 

 

 

Siamo a 3400 metri di altitudine

097 

 

 

 

Una piantagione di qat (ne vedremo tantissime)

Le piccole costruzioni sono torrette di guardia, per evitare i furti

 

 

 

 

099 

 

 

 

 

 

Un villaggio fortificato, Al-Tawila

Anticamente era un importante punto di raccolta del caffè

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 100

102 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel villaggio

 

 

 

 

101

 

 

 

 

 

Il suq, che risale al 1200

 

 

 

103

 

Il tè

Ho assaggiato il caffè. Allora ho deciso di bere il tè, che è buono, con cardamomo e chiodi di garofano, anche se sempre troppo dolce

 

  

  

 

 

105 

 

 

Un'altra sosta, ad Al-Mawitt

Questo paese era un' importante sede amministrativa al tempo della dominazione ottomana

106 

 

 

 

Il piacere dell'ornamento

 

 

 

 

ad Al-Mawitt

107 

 108

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 109

 

 

 110

 

 

 

 

 

Devo raccontare della giambiya, cioè del pugnale che la stragrande maggioranza degli uomini yemeniti ostenta alla cintura

 

 

 

 

 

I maschietti fin da piccoli hanno una giambiya di legno e la indossano il giorno di festa quando vanno in moschea con il padre

 

 111

Quando cominciano a crescere i baffi i ragazzi ne ricevono in regalo una vera con la sua cintura ornatissima e non escono di casa senza averla addosso

 

 

 

 

 112

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

Artigiani che fabbricano i pugnali e negozio che li vende

 114

 

 113

 

 

 

 

 

 

 

 

 

115 

  

 

 

Ragazzi che si fanno volentieri fotografare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo cena, San'a by night, uno spettacolo veramente incantevole

116 

 

 

 118

 

 

 

 

 

 

 120

 117 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

121123 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 Luci attraverso le finestre e la luna

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 


 

16 gennaio

La prima visita della giornata è ad Amran, la meraviglia del nord

126 

 

In questa foto si vede bene come veste l'uomo yemenita. Una tunica bianca o chiara che scende parecchio sotto il ginocchio, una giacca di stile occidentale e spesso uno scialle al collo. Ben in vista porta la giambiya infilata nel cinturone. Ai piedi i sandali. In testa i copricapi più svariati, spesso a turbante

Amran

127 

 128

 

Qui siamo a oltre 2500 metri di altitudine

Le case sono fatte di mattoni per i piani bassi, poi di fango e paglia e devono essere restaurate ogni pochi anni

La porta nord

 

 129

 

 

 

 

 

 Ad Amran

 

 

 130

 

 

 

132 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 133

 

 136

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ad Amran, come dappertutto, c'è un gran numero di bambini

Di turisti invece non ne abbiamo quasi incontrati

 

 134

 

138 

 

137 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

139 140

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

Ripartiamo e saliamo di quota, passando i 3000 metri

 

 

142144 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Comincia la nebbia....

....che contina a lungo, ci rallenta e ci costringe anche a rinunciare ad alcune visite in programma

Terrazzamenti coltivati a caffè

146 

 

147 

 

 

 

 

Questa piccola cascata è un miracolo: in tutto il viaggio non abbiamo visto nessun fiume o ruscello, lago o minimo specchio d'acqua

 

 

 150

 

 

 

 

 

 

E' pomeriggio e la guancia dello yemenita è gonfia di qat. Il sacchetto blu è pieno di fogie

 

 

 

 

 

 

 

 

 149

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si ritorna in albergo

La strada, sia all'andata che al ritorno è stata tutta una curva

  

 

151 

 

   


 

  17 gennaio

 

 

 152

 

 

 

 

Ci dirigiamo a nord ovest ma presto restiamo incolonnati per uno dei numerosi controlli della polizia

 

 

 153

 

 

 

 

 

 

Breve sosta fotografica del paesaggio, ma sembra che noi turisti apprezziamo anche il ragazzo sull'asino!

 

 

 

 154

Poi ci fermiamo a vedere un altro caravanserraglio (ce ne sono tantissimi). Questo, all'interno, ha tre piccole stanze

155 

 

 156

 

 

 

 

 

 

 

 

 157

 

 

 

 

 

 

Da lontano appare Thula, che si trova a 2700 metri sul livello del mare

Thula ha mille anni di vita e fu in passato un importante centro teologico

 

 

 158

 

 

159


 

 

 

 

Una delle due porte della città

     

 

 

A Thula

 

 

 161

 

 

 

 

 

 162

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cisterna per le abluzioni prima di entrare in moschea

 

 163

 

 

 

 

 164

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gente di Thula

 

 

166

 

 

 

 

Una ragazza dal volto scoperto

 

 167

 

 

 

 

 

 

 

 

 168

 

 

 

 

 

 169

 

 

 

 

 

 

 173

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Gente di Thula

 174

 

 

175 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Risaliamo sui fuoristrada per continuare il nostro itinerario, ma presto c'è una fermata imprevista. In un piazzale si è radunata una folla di uomini e si sentono suonare i tamburi

 

176 

Scendiamo e veniamo accolti con simpatia. Si tratta di una festa di nozze. Domani (venerdì) sera ci saranno due matrimoni. Gli sposi maschi festeggiano qui adesso, mentre le spose e le donne ballano altrove, al chiuso

Gli sposi sono inghirlandati

 

 

 

177 178

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutti danzano con in mano il pugnale

 

 

 

Dopo 10 chilometri arriviamo a Hababah, un paese che risale al 1100

 

 179 

 180

 

I muri sono costruiti a secco

 

 

 181

 

 

 

 

 

 

a Hababah

Le antiche case a torre si riflettono nella grande cisterna dove la gente va ancora ad attingere acqua e ad abbeverare gli animali

 

 

 

 

 

 

 

 

 182 

 

 185

 

I due bambini stanno lavando un vitello di zebù, animale che fa parte della loro vita

 

 

 186

 

 

 

Un ultimo sguardo alle antiche case e lasciamo Hababah

 

 

 

 

 

 

La zona è desertica e rocciosa, siamo a oltre 3000 metri di altitudine

 

 

 189

 

 

 

Finisce l'asfalto e ci inoltriamo per una strada sterrata molto malmessa. Anuar si diverte ad andare veloce senza badare a buche e cunette, un'ora piuttosto avventurosa!

 

 191

 

 

 

La Roccia dell'Aquila

192 

 

Lo scopo è di raggiungere questa roccia, detta dell'Aquila

Il nostro fuoristrada si è fermato in tempo!

 

  

  193

 

 

 

 

 

 

L'autista si rifà delle fatiche della guida con del pane

 

 

 

 

 194

 

 

 

Anuar si ferma per aspettare gli altri, io ne approfitto per scendere e prendere questa foto del nostro fuoristrada

 

 

 196

 

Sono le due quando ritroviamo l'asfalto e poco dopo siamo al ristorante

Il ristorante dove pranziamo

 

 

 197

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qui ci offrono il piatto nazionale, che si chiama seltah

E' composto da: fieno greco (sono semi che assomigliano al miglio ma amari), riso, patate, pomodoro e cumino. E' buono e si mangia raccogliendolo con il pane

 

 

 

 

  

Visita a Kawkaban, che si trova nel Wadi Naim, cioè la Bella Valle

  

  

199 198

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

200

 

 

I venditori ci rincorrono con le carriole cariche di souvenir

 

 

 

  202

 

 

 

 

La fortezza turca, del 18° secolo

 

 

 203

 

 

 

 

 

 La mia amica ed io e io davanti al minareto costruito con mattoni a secco

 

 201

 

 

 

 

 Anche Kawkaban ha una cisterna

 

 

 

 204

 

Le grotte dei trogloditi

 

 

 

 

 

 

 205

 

 

Sulla via del rientro, dopo una lunga giornata

  

 

 

 

 

 

 


 

  

18 gennaio

 207

 

Prima tappa stamattina in una località poco fuori San'à, di nome Al-Rowda, cioè il paradiso. 

Qui c'è una bella moschea (non ci hanno mai permesso di entrare in nessuna) costruita nel 1600 dagli Ottomani

 

 

 

 206

 

 

 

 

 

 

C'è anche l'unica fontana che abbiamo incontrato nelle strade

 

 

 208

 

 

 

 

 

Tre 'netturbine'

 

 

 

 

 

 209

 

 

 

 

 

Sosta nel villaggio di Gabel

 210

 

 

 

 

 

 

 

Dati i materiali impiegati, se le case non vengono restaurate ogni pochi anni vanno in rovina

 211

 

 

 

 A Gabel

 212

 

 

 

 

 

Questa è la torre di controllo per la coltivazione di qat, vecchia di duecento anni

 213

 

 

 

 

L'albero di giuggiole

 

 

 

 

 

 

214 

 

 215

A Wadi Dhahr

Visitiamo ora uno dei siti più famosi dello Yemen, Wadi Dhahr, con il palazzo sulla roccia

  

Si tratta di una costruzione a cinque piani eretta sopra una guglia rocciosa

Fu realizzato da un imam nel 1786 come residenza estiva

 

 216

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A Wadi Dhahr

 

 

 

 

 217

Entrando nel grande cortile del palazzo sentiamo rulli di tamburo  

 

 220

 

 

 

 

 

 

Mentre il gruppo visita l'interno del palazzo, io preferisco aspettarli nel cortile. Ogni tanto rinuncio a qualche cosa per non stancarmi troppo

e mi faccio fare questa foto da una giovane giapponese

 

 

 

 

 221

 

 

 

 

A Wadi Dhahr

 

Osservo i visitatori, praticamente tutti locali, dato che è venerdì, il loro giorno festivo e questo sito è a poca distanza da San'a

 222

 

 

 

 

 

 

 

 

Una mezz'ora interessante

A Wadi Dhahr

 

 223

 

 

 

Scendono dalle scale dopo la visita al castello alcuni giovani: due sono inghirlandati.

 Festeggiano il loro matrimonio insieme agli amici

 

 

224    

 

 

 

Rientriamo a San'à

Pranziamo in città dove ci offrono dell'ottimo agnello e, come negli altri ristoranti, il pane locale

 

 

 227

 

 

 228

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 229

 

 

Poi un'ultima passeggiata nella città vecchia

 

 230

 

L'edicola dei giornali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le stelle di Davide sulle case anticamente abitate dagli ebrei

 231

 

 

 

 

 

 

 

San'à vecchia, porte

 

234 

 

 233

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

       

 

  236

 

 

 

 

Il venditore di qat

 

 

 

L'ingresso al 'hammam', il bagno turco a vapore

 

 

239 

 

Oggi è il giorno delle donne. Permettono di entrare alle turiste del nostro gruppo ma non possiamo fotografare

Sono piccole stanze dove il calore è quasi insopportabile. In ciascuna una o due donne, che indossano una camicia, e qualche bambino

Uomini impegnati a un gioco sul tavolo

240 

 

Torniamo in albergo, chiudiamo le valigie, ceniamo. Un'ora di riposo, poi all'aeroporto

Controlli al bagaglio. Sono le ventidue quando mi mettono il timbro di uscita sul coloratissimo visto e a mezzanotte salgo in aereo

244 

 

 

fine del viaggio