01 Lo stemma dei  Pico

 

 

 

Pico non era il suo nome, come si potrebbe pensare, ma il cognome. Si chiamava Giovanni.

 

 

02 Il castello di  Mirandola

 

 

 

Giovanni Pico nacque a Mirandola (una cittadina in provincia di Modena) nel 1463.

 

 

 

 

 

Era il figlio più giovane di Francesco I, signore di Mirandola e conte della Concordia, e di Giulia dei conti di Scandiano.

 

 03 Infanzia di Pico, Paul Delaroche,1842

 

 

 

Già da piccolissimo mostrava interesse per imparare e non dimenticava nulla.

A quattordici anni era a Bologna e studiava diritto canonico.

Studiò poi lettere a Ferrara e filosofia a Padova. A Pavia (aveva diciannove anni) studiò il greco.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

04 Cosimo Rosselli, Cappella del miracolo, S. Amrogio, Firenze, XV secolob 

 

 

A ventun anni lo troviamo prima a Parigi e poi a Firenze dove strinse amicizia con Lorenzo il Magnifico e con i poeti, i filosofi e gli artisti che gli gravitavano attorno.

Il pittore Cosimo Rosselli lo ritrae fra Marsilio Ficino e Agnolo Poliziano in un grande affresco

E studiò l'ebraico, le lingue orientali antiche e moderne e le religioni dell'oriente.

 

 

 

 

 

 

 06 Villa Medici a Fiesole, D. Ghirlandaio, XV secolo

 

Lorenzo il Magnifico lo ospitò a lungo, insieme agli altri umanisti, nella splendida villa di Fiesole dove Pico scrisse le sue opere più importanti.

 

 

 

 

 

 

 

 07

 

Preparò 900 tesi di filosofia e religione da discutere pubblicamente a Roma, ma la Chiesa lo accusò di eresia e non lo poté fare. Pico fuggì in Francia e per ordine del papa fu perfino arrestato e imprigionato. Con l'intervento di Lorenzo venne liberato.

Finalmente tornò in Italia, conobbe il Savonarola e ne fu molto influenzato.

Con i suoi studi sulle religioni orientali era giunto alla convinzione che fosse una cosa possibile far convertire al cristianesimo sia i musulmani che gli ebrei.

Iniziò un'opera in cui si proponeva di confutare tutte le varie superstizioni, cominciando dall'astrologia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma non la terminò perché morì improvvisamente e in modo misterioso: si mormorò che fosse stato avvelenato. Era il 1494, aveva soltanto trentun anni.

E' sepolto a Firenze, nella chiesa di S. Marco, dietro una semplice lapide scritta in latino: una delle ventidue lingue che egli leggeva e parlava.

 

 08 Ritratto di Pico, Galleria degli Uffizi, Firenze.jpg

 

 

Si racconta che la sua memoria fosse tale da permettergli di ripetere a rovescio, cominciando dall'ultimo verso, una poesia udita una sola volta e, dice qualcuno, perfino l'intera Divina Commedia.

 

Il Savonarola lo definì un miracolo di Dio e della natura e qualcun altro il più brillante ingegno d'Europa del suo tempo.

 

Pico era bello, biondo e altero.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Fine