00010002

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0004 

13 febbraio 2011

La mattina, partiamo dal Laos in aereo ed è circa mezzzogiorno quando atterriamo a Phnom Penh, la capitale della Cambogia

001 Il giro che abbiamo fatto

Per entrare in questo paese occorre un visto

La nostra guida cambogiana è un ragazzo di ventisei anni, di nome Kosal. Ci dà il benvenuto, ci dice che siamo nella stagione fredda. Infatti oggi ci sono solo 30°. Il suo italiano è buono, anche se lo sta studiando da soli tre mesi ed è autodidatta002

 

 

 

A Phnom Penh

La prima visita del pomeriggio è al Museo Nazionale. Siccome non si possono fare foto, ho comperato tre cartoline di sculture antiche, per ricordare

 

 

 

Le tre sculture sono del 6°, 7° e 10° secolo

003  004  005

Le strade sono animate, di gente e di mezzi

006007 

 

 

 

 

 

 

 

 

Abbastanza poche le macchine, vari camion e furgoncini, ma specialmente motociclette

 

 

 008

 

Molti i tuk tuk. Sono delle motociclette-taxi che portano velocemente in qualsiasi posto con poca spesa

 

Mi piacerebbe fare una corsa in tuk tuk, ma temo sia improbabile

E invcece sarò accontentata

 

 

009

 

 

 

Il Palazzo Reale (la Cambogia ha il re e circa quattordici milioni di abitanti) è circondato da un grande parco. Esso fu costruito circa cento anni fa, anche se Phnom Penh è la capitale dal 15° secolo

 010

 

 

 

 

 

 

 

  

011 

 Lo stupa grigio è la tomba reale

 

 012

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 013

 

 

 

Mi diverte l'idea del bonzo moderno e lo fotografo. Lui si gira e capisce che l'ho ripreso. Mi fa un sorriso a trentadue denti

 

 

 

 

 

 

Questo sotto è l'elegante albergo dove abbiamo dormito

Fu costruito come albergo dai francesi nel 1931, durante le varie guerre fu trasformato in ospedale, adesso è tornato alle funzioni originarie

 014

 

 

 

 

 

 

 016   015


14 febbraio

018 

A Phnom Penh, che significa Collina di Penh

La partenza dall'albergo stamattina è alle 7.30

 

 

 

La venerata dama che vediamo nella foto si chiamava Penh. Un giorno dell'anno 1375, dice la leggenda, uscì di casa e vide che le acque del Mekong avevano straripato e portato davanti alla sua porta un grande tronco d'albero. Nel tronco c'era un foro e nel foro quattro statue di Buddha e una di Vishnu. Tutta la gente ne ebbe grande gioia e con devozione portarono le sacre immagini in casa e le posero in un tabernacolo provvisorio. Penh chiese a tutti di portare terra e, accanto alla casa, si formò così una collina artificiale sulla cima della quale, col legno del tronco, costruirono un santuario per le statue di Buddha. Quella di Vishnu la misero in una cappelletta alla base della collina. La fama del piccolo santuario richiamava folle di pellegrini. Così si aprì un mercato, si moltiplicarono le case, il paese divenne una città e, nel 19° secolo, la capitale del regno

 

 

 

019 

 

Questi siamo noi quattro alla base della collina. Dietro di noi, un grande orologio circolare con le lancette che si muovono sull'erba

 

 

020 

 

 

 

 

 

Saliamo la collina artificiale

 

 021

 

 

 

 

 

 

Varie scimmiette ci saltellano intorno

 022

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In cima alla collina c'è l'altare della venerata dama di cui ho parlato

023 

 

 

Sono circa le otto quando lasciamo la capitale e ci dirigiamo a nord. Poco dopo traversiamo il Mekong

 

 

024La strada è trafficata e ci sono continue abitazioni: si alternano gruppi di casupole a palazzine tipo condominio

 

 

Qualche immagine colta al volo dal pullmino

025 

 026

 

 027

 

 

 

 

 

 

028

 

Ci fermiamo a vedere una coltivazione di loto

 029 030

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 031

 

 

Kosal coglie qualche fiore e bocciolo

Ci spiega che, caduti i petali, rimane una specie di cono verde pieno di semi che si possono mangiare

 

 032

 

Li assaggio, sanno di poco, aciduli e duretti033

 

 

Poi, con un'arte tipo origami floreale, dai boccioli, piegando i petali, forma dei nuovi fiori completamente diversi dal fiore di loto e ce li offre

 

 

034

 035 036

 

 

 

Viaggiamo, pianura assoluta a vista d'occhio, palmeti

 

 

 

 

 

 

Ci fermiamo a un mercato lungo la strada

037

 

 

Ammetto la mia debolezza. In questo mercato ho fatto poche foto e da lontano. Infatti ci è stato detto che vendono ragni fritti (grossi e neri), cavallette e piccole rane fritte e altre cose di cui non ho volontariamente preso nota

 

Qui, che cosa si vende? Preferisco non sapere

 

 

 

038     040 039 

041 

 

 

Ci dice Kosal che in Cambogia la scuola non è obbligatoria

 

Molti bambini non ci vanno e lavorano in campagna o vendono nei mercati

 

 

 042

 

  

 

Imbocchiamo una strada sterrata e dopo qualche chilometro ci troviamo nel sito di Isanapura (ora Sambor Prei Kuk), che fu l'antichissima capitale. I monumenti risalgono alla prima metà del 7° secolo, quando la religione era ancora induista

 043

 

 

Questo è il tempio dei leoni

 

Anche qui, come spesso altrove, appare subito un ragazzino. Io ero un po' lontana dagli altri, mi si accosta, e mi dice: 'Grande albèlo si hiama ficus'. Bravo, ha capito che ero italiana e si è espresso nella mia lingua! Lo ringrazio per l'informazione e immortalo il suo sorriso

 045044

 

 

 

 

 

 

 

Un tratto delle mura

 

048         047 

Nessun turista, nessun rumore, soltanto qualche raro uccellino che cinguetta

049

Muri e tronchi e rami, i primi che vediamo

 

 050

 

051 

Pranziamo in questo ristorante sul fiume Don Leisab (Acqua Fresca) che sembra un lago

052

 

 

 

Questa volta siamo in cinque, Kosal si unisce a noi. Sta attentissimo mentre parliamo, desidera arricchire il suo italiano

 

 

 

  053

 

 

 

 

 

 

 

Avevo chiesto a Kosal se si poteva visitare una scuola. Ci fermiamo quindi in un paese ed entriamo da un cancello in un vasto cortile

054

055 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfitto del fatto che siamo in una scuola elementare per ricordare che la lingua cambogiana ha 33 consonanti e 23 vocali. Posso capire le consonanti, ma come fanno ad avere tante vocali? Kosal me ne fa sentire alcune (più o meno a, ah, ha, hae, hea e via di questo passo)

056 

 

Deve essere il momento dell'intervallo pomeridiano (sono le 14.30). I bambini giocano e vanno a comperare la merenda

 057

 

 

 

 

poi arrivano tutti correndo per vedere questi quattro curiosi turisti

 

058 

 059

 

 

I ragazzini ormai conoscono le macchine digitali, dopo fatta la foto vogliono vedersi nel monitor e ridono

 

 

 

 

 

 

Si prosegue verso nord. Il traffico è scarso

061Marciamo intorno agli 80-90 km all'ora sempre in una pianura senza il minimo rilievo

Arriviamo in albergo a Siem Reap abbastanza presto. Ho tempo, prima di cena, per rileggere qualche pagina della guida su Angkor. Fu la gloriosa capitale dell'impero Khmer e prosperò per cinquecento anni, dalla fondazione, anno 889, fino al 1432 quando venne abbandonata dalla corte reale. Solo nel 1860 iniziarono i ritrovamenti da parte dei francesi e i restauri

Nell'area di Angkor vi sono 287 templi


 

15 febbraio

062 

Ieri sera prima di salutarci, Kosal ci ha fatto una proposta: andare a visitare un tempio nella giungla prestissimo, quando non ci sono ancora turisti, poi fare colazione col cestino fornito dall'albergo, e continuare le visite. Diciamo tutti subito di sì

Perciò, stamattina ci svegliamo presto e alle sei siamo pronti

Pochi chilometri (e molta emozione) si arriva ad Angkor

063 

 

 

Ci fanno una foto e ci forniscono un tesserino per l'ingresso ai vari siti valido tre giorni. Noi ci staremo due

 

  

064 

 

Kosal ci mostra le varie visite che faremo. I monumenti distano chilometri uno dall'altro, ci sposteremo con il pullmino

Nell'area di Angkor (vuol dire Città Santa o Città Capitale) viveva più di un milione di abitanti

 

 065

 

La prima visita la facciamo al Ta Prohm, tempio buddista costruito alla fine del 12° secolo

Piove

066 

 

 

Nel pullmino hanno degli ombrelli colorati che ci riparano, ma dopo dieci minuti la pioggia finisce

 

 

067 

 

 

 

 

La cinta muraria (700x800 metri)

 

 

 068

 

Il Ta Prohm è stato solo parzialmente liberato dalla giungla che lo aveva invaso

069 

 

Esso era un monastero buddista enormemente ricco che controllava tremila villaggi

 

Non mi pare necessario scrivere dei commenti

 

 

 

Questo albero si chiama fromager (Ceiba pentrada). I suoi semi sono trasportati dagli uccelli, germogliano sui muri, protendendo le radici verso il suolo e infiltrandole fra le pietre fino a spostarle

I rami attraversano porte e finestre

 

Temevo difficoltà nel muoversi, invece si cammina tranquillamente e ci si può guardare in giro

 

070

 

072 

 

  

 

 

 071small

 

 

 

 

073 

Otto secoli fa questo monastero ospitava 260 divinità, al servizio delle quali si trovavano oltre 12.000 persone

 075

 074

 

 

 

 

 

 

 

 

 

076 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo visino di pietra si intravede (ci vuole un occhio esperto per segnalarlo) nell'albero qui sotto

   078  077

 

 

 

 

 

 079

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

080 

 

 

Gli alti dignitari mangiavano in piatti d'oro e dormivano tra lenzuola di seta

Questa è una delle porte del monastero

 

Mentre usciamo comincia ad arrivare gente

 

La torre con le quattro facce di Buddha è secondo lo stile Bayon

 

 

 

081 bis, posizione corretta 

 

E' ora di fare colazione

Ci fermiamo sulle rive di un laghetto artificiale con i cestini stra-abbondanti che ci ha fornito l'albergo

 

 

 Ad Angkor (continua)

081 

 

Prossima visita, il tempio più grande e celebre del sito, l'Angkor Vat (il Tempio della Città)

 

La cinta muraria misura 1300x1500 metri

 

 

 

082 

 

 

Simpatiche scimmiette

 

083 

 

 

 

 

 

L'arrivo al tempio in una mia pallida foto

 084

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I lavori di costruzione, iniziati nel 12° secolo, durarono 37 anni. Il tempio è dedicato a Vishnu (convivevano due religioni, induismo e buddismo)

 085

 

 

 

Ancora pochissimi visitatori

 

 086

 

 

 

 

 

 

Un giovane monaco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Riflesse nel laghetto, le cinque torri del tempio

 087

 

Ad Angkor (continua)

Rientriamo in albergo per il pranzo e un breve riposo, poi ripartiamo. È molto caldo e molto umido

088 

 

Andiamo a visitare alcuni laboratori dove imparano e lavorano giovani handicappati

Doratura su lacca

 

Pittura su seta

089

 

 

 

 

 Argentatura

090

 

 

 

Lavorazione della steatite

091

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Intaglio del legno

092 093

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Arriviamo ad Angkor Thom, la città reale dalle cinque porte

094 

Questa è la porta sud, preceduta da due file (una per lato della strada) di 54 divinità, che sorreggono un Naga, il serpente sacro

 

 095

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sopra la porta le quattro facce scolpite

096

097

 

Questa città contava nel 12° secolo 100.000 abitanti. Ma le loro case, fatte di legno e di paglia, non sono sopravvissute ai secoli. Solo gli dèi avevano diritto a case di pietra

Ecco il Bayon (che significa montagna magica), il tempio dedicato prima a Shiva, poi a Shiva e Buddha, poi esclusivamente a Buddha

100

102 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

All'interno ancora si possono ammirare dei bellissimi bassorilievi

 

 

103 

101 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  104 

 

 

 

 

Nel Bayon ogni torre, e sono 54, porta scolpite le quattro facce

 

 105
106

107108 

 

 

La Terrazza degli Elefanti, lunga 350 metri, fatta costruire da un re nel 1100, per assistere con la sua corte agli spettacoli allestiti sulla grande piazza

 

 

 

 

 

 

 

 

 110109

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono le cinque quando terminiamo la visita, non ci dispiace andare in albergo e riposare


 

16 febbraio

Dato il successo di ieri di aver visitato il primo tempio da soli, accettiamo con piacere la proposta di Kosal di partire alle 6.30, avendo già fatto in albergo una veloce prima colazione

111 

 

Oggi, ci dice, visiteremo tre templi. Gli chiedo speranzosa: 'Ce n'è ancora uno con le radici e i rami?' 'Sì'

Oggi ci allontaniamo maggiormente da Siem Reap, 25 chilometri a nord

Ad un certo punto lasciamo la strada asfaltata e ci inoltriamo in una di terra battuta rossa

 112

 

 

Ogni volta che entriamo in un sito c'è il controllo del nostro tesserino. Però poi, dentro si percorrono chilometri, e vediamo che ci abita parecchia gente

 

 

113 

 

 

 

Ci sono anche delle risaie

 

 

 

 

 

 

 114

 

Il primo sito che visitiamo si chiama Banteay Srei, la cittadella delle donne, un piccolo tempio in arenaria rosa, tappezzato di bassorilievi

Venne consacrato nel 968 da un induista, precettore del principe ereditario. Egli fece incidere sulle pareti gli insegnamenti più importanti dei Veda e i miti induisti

Nella foto ci sono anch'io o, meglio, la mia ombra in basso a destra

 

L'ingresso

116 115

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I fini bassorilievi rosa della porta

 

119118117 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Passeggiando nel tempio

 

 

 

 

 

 

 

 

Un gruppo di francesi è impegnato a disegnare

120121122123

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

124 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un elefante tricefalo non l'avevo mai visto prima

 

 

 

 

 

125 

 

 

 

 

 

La battaglia con le scimmie

 

 

 

 

 

 

126 

 

 

Passeggiando nel tempio

127 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Usciamo che sono le nove. Ci fermiamo a guardare il piccolo tempio rosa dentro la sua cinta muraria

 

128 

  129

 

 

Intanto arrivano i turisti che hanno preferito dormire un po' di più. I pullman che portano i gruppi e i tuk tuk che portano poche persone si fermano fortunatamente sempre molto lontani dagli ingressi

 

 130

 

 

 

Nel tratto di strada che percorriamo a piedi ci accompagna la musica tradizionale cambogiana

 

 

 131

 

 

Un allevamento di pesci abbellito da fiori di loto

 

Sulla via del ritorno

132 

 

 

 

 

 

Davanti a molte case c'è un fantoccio dal viso feroce. Non è lì per spaventare i passeri, ma gli spiriti maligni

 

 

133 

 

Le case sono quasi tutte su palafitte

 

 

 

 

 

Ci fermiamo a un mercato sul bordo della strada e compero delle confezioni di caramelle di zucchero di palma thamop.

Ecco come le fanno:

134 

 

135 

Colgono il fiore della palma salendo mediante una scaletta.

 

 

 

 

 

 

 

 

136 

 

 

 

Il fiore, che ha una curiosa forma di croce ed è pieno di un liquido dolce e acquoso, viene spremuto.

 

 

138137Il liquido bollito per due ore si asciuga, così ne ricavano dei pezzetti duri giallastri tipo caramelle

Le caramelle di zucchero di palma thamop nella loro confezione di foglie di palma

 

 

La moneta della Cambogia si chiama rial

139 140 

 

 

 

 

 

 

Al mercato

141 142 

 

Questi sono spaghetti di riso (non li ho mai mangiati);

il venditore li ha cotti e li sta vendendo inserendoli in un sacchetto di plastica

 

 

 

 

 

 

 

 143 

145 

 

Le ceste grandi servono per pescare

  144    146

Visita al Ta Som, monastero con piccolo tempio dedicato alla memoria degli antenati del re, costruito alla fine del 12° secolo

147

 148

 

Ogni torre porta le quattro facce, secondo lo stile Bayon

 

149

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

152 

Il baniano (Ficus Bengalensis) ha imprigionato la porta

  

150 

    

 

 151

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Bisogna guardare bene tra i rami e le radici

 

 153

 

 

 

 

La fanciulla tiene fra le mani un uccellino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Neak Pean, il santuario dei Serpenti Attorcigliati

Questo tempio su un'isola, fatto erigere da Jayavarman VII verso il 1150, era l'ospedale reale. Curioso che i serpenti attorcigliati anche qui siano collegati alla medicina!

Era permesso ai pellegrini di venire a bagnarsi nelle sacre acque del tempio

155 

 156 

Il Preah Khan, la Spada Sacra del re, più che un tempio è una vera città estesa su 50 ettari e protetta da fossati. Accoglieva un monastero con 430 divinità e un'università buddhista per monaci e studenti laici

 Le case erano sparse nella foresta intorno al tempio

Sono le 11.30

L'ingresso. I pilastrini rappresentano fiori di loto chiusi

 

 157

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Superata la porta d'ingresso si cammina ancora un bel po' prima di trovare le prime costruzioni. I visitatori sono molto pochi

Una stele precisa che nella città e nei suoi 5324 villaggi periferici vivevano quasi 100.000 persone. Metà si occupavano del tempio, 4.000 delle cucine e 1.000 erano danzatrici professioniste

158159160161

 

Un tronco che sembra una proboscide di elefante

 

162 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

164163 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Finestre e corridoi e cornicioni

166165 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

166 

 

 

 

 

 167

 

 

 

 

 

 

 

 

Una costruzione diversa da tutte le altre, a colonne rotonde

 

168

 Anche questa foto è diversa da tutte quelle che noi quattro ci siamo fatte fare negli anni....

170 

 169

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Usciamo dal sito

 

172

Sono le 12.30 quando pranziamo in un ristorante vicino al sito stesso

171

 

 

Insalata di fiori di banana con pollo

 

 173

 

 

 

 

Pollo cambogiano al curry con verdure e riso al vapore

 

 174

 

 

 

Macedonia di frutta fresca con miele e sigarette khmer

 

 

 

Rientriamo in albergo per un po' di riposo. La nuova uscita sarà alle cinque per vedere il tramonto dalla torre di un tempio

175

Si tratta del Pre Rup, costruito nel 961, religione indù, dedicato a Shiva. Il tempio è circondato da mura e dotato di una gradinata

176 

 

Ecco le parole della guida (libro): la scala è ripida ma il disagio dell'ascesa è compensato dallo spettacolo di cui si gode dall'alto

 177

 

 

 

 

 

 

 

 

 

178

 

179 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

180181

Troviamo una buona sistemazione seduti, dovremo aspettare almeno una mezz'ora

Intanto continua ad arrivare gente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il tramonto del 16 febbraio 2011 a Siem Reap

182 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

183

Kosal mi chiede la macchina e mi scatta questa curiosa foto, miracolosamente togliendomi qualche anno

 

184 

 

 

 

 

 

 

Fra un minuto il sole sarà scomparso

 

185 

Strano a dirsi, sono scesa per prima, appoggiandomi però alla spalla di Kosal, ora stanno arrivando anche i miei amici

 

 

 

 

 

 

L'ultima sera, in albergo, assistiamo ad un piacevole spettacolo di danze mentre ceniamo

La danza dei guerrieri, spiriti maligni e belle principesse

186 

187 

188 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 191189190

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

193194 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

19517 febbraio

 

Partenza alle otto, verso sud, una quindicina di chilometri, al lago Tonle Sap

 

La prima fermata è per vedere una coltivazione di loto. Il pullmino si ferma sul bordo della strada, noi percorriamo il piccolo sentiero e, come dice il cartello bianco che si nota in basso a sinistra, paghiamo (anzi, la guida paga per noi, come sempre, tutti gli ingressi sono compresi) un dollaro per guardare i fiori di loto. Ci sono tante maniere e inaspettate, al mondo, per guadagnarsi onestamente da vivere

 

 

196 

197 

 

La foto del bocciolo mi piace tanto

198

 

 

 

 

 

 

 

Arriviamo ad un canale 

Ci imbarcheremo e lo percorreremo a lungo fino al lago

 199

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La discesa alle barche

200

L'uomo di spalle è una guardia

Molte barche servono per i trasporti locali

 

Siamo partiti

201

 

 

 

 

 202

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La vita lungo il canale è intensa e interessante

203 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

204 

205 

 

 

Si accosta una piccola barca a motore guidata da una donna. Salta su da noi un ragazzino portando delle aranciate e acqua minerale

Non ne siamo interessati

Salta giù e ripartono. Il tutto in due o tre minuti, pronti per tentare la fortuna con un altro gruppo di turisti

 

Il pescatore con la grande rete

206 

 

 

 

 

 

Arriviamo al lago, il più grande della Cambogia. Si abbassa in primavera e si alza in autunno arrivando a moltiplicare per quattro la sua superficie. È uno dei laghi più pescosi del mondo

207 

 

 

 

 

Il lago è costellato di villaggi galleggianti, fin dalla notte dei tempi. I villaggi si spostano sul canale quando le acque sono tropppo alte, poi ridiscendono al lago quando le acque si abbassano

209 

 

210 

Riprendiamo la via del ritorno

Queste due foto vanno viste una di seguito all'altra. Si tratta di un trasloco. Infatti le barche stanno trasportando la casa in un altro luogo

211212

 

 

 

 

 

 

 

 


213 

 

La scuola in costruzione 

 

214

 

 

 

 

E, sorprendentemente, una chiesa cattolica

215 

 

 

 

 

Attracchiamo

 

 

216 

 

 

 

 

 

E risaliamo verso la terraferma

 

 217

 

 

 

 

 

218 

 

 

 

Lungo la via del ritorno attira la nostra attenzione una specie di grande baldacchino rosa e giallo. La guida ci dice che si tratta dei preparativi per una festa

 

219 

 

Gli chiedo che cosa c'è scritto nei cuori. Mi risponde 'Il 18 febbraio Razeven compirà due anni'. Razeven è un nome da maschio

Kosal mentre ci spiega 

 

220Per le ultime visite del pomeriggio non avremo il pullmino, ma 'dovremo' prendere i tuk tuk. Con cinque dollari un tuk tuk ci porterà in giro per tre ore. Come sono contenta!

Vediamo un monastero e una scuola

221 

 

Nel monastero

 

 223

 

 

 

 

 

 

 

 

 

224 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le casette dei monaci

225226 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ecco le loro regole:

non mentire, non uccidere animali, non rubare, non bere alcolici, non usare profumi, non portare gioielli, non toccare donna, non indossare biancheria intima, pregare per un'ora ogni mattina prima dell'alba, dormire per terra

227 

Andiamo alla scuola

Sul tuk tuk

Il nostro taxista è il signor Tan e la targa del mezzo è 7

228 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

229 

 

L'ingresso della scuola e il cortile su cui si affacciano le aule

230 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una classe con la maestra (23 vocali e 33 consonanti!)

231 

 

 232

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

233 

 

 

Un'altra classe

 

 

 

 

 

Torniamo in albergo, sono circa le cinque

Rientro in Italia tutto bene, senza nulla da raccontare. Tranne che la hostess della Thai ci offre un'orchidea al momento dell'arrivo

234 

Fine del diario di viaggio